Via Pietro Casu 5/A (Sassari) info@studiobetass.it

Contattaci

Per la prima visita, puoi contattarci su Whatsapp

Il dottor Ugo D’Alessandro parla del dolore alla spalla a “Il mio medico”, su TV2000.

Capita spesso che il paziente con problematiche dolorose si presenti nello studio del fisioterapista per un consiglio e per fare eventuali trattamenti. Nel caso di un paziente con dolore alla spalla il fisioterapista per prima cosa effettua una valutazione funzionale, che comincia con un’indagine conoscitiva del dolore del paziente: bisogna discriminare se il dolore è conseguenza di un trauma (in questo caso va contattato subito lo specialista ortopedico) o se invece è comparso in maniera progressiva con peggioramento graduale della sintomatologia.

Dopo aver effettuato tale indagine il fisioterapista chiede al paziente di spogliarsi; già quest’azione dà delle informazioni importanti sul quadro funzionale. Successivamente si verifica se la spalla sia rigida o lassa, chiedendo nel primo caso al paziente di fare un semplice test: si chiede al paziente di portare il braccio dietro e di toccare con la mano la sachiena, sin dove riesce ad arrivare, prendendo nota del punto di arrivo; si chiede quindi di portare il braccio in alto e la mano dietro la nuca e si verifica se il paziente tocca lo stesso punto; infine si chiede al paziente di portare il braccio verso la spalla opposta e e si verifica se il paziente riesce a toccare lo stesso punto. Se il paziente non ci riesce sono presenti dei deficit di mobilità della spalla. Per verificare la lassità di una spalla, invece, si chiede al paziente di mantenere per qualche minuto le braccia distese lungo i fianchi: in caso di lassità di spalla si creerà una trazione verso il basso per un cedimento dei muscoli stabilizzatori della testa dell’omero e il paziente avvertirà un senso di intorpidimento alla mano e dolore al braccio, fattore patognomonico dellìinstabilità di spalla.

Nel trattare un paziente con spalla rigida è importante intervenire manualmente sull’articolazione scapolo-toracica per sbloccarla.

Un utile strumento per il trattamento del dolore di spalla è l’onda d’urto (per maggiori informazioni leggi qui e qui), che interviene sulla zona dolorosa, dove possono essere presenti delle calcificazioni, che causano sintomatologia dolorosa e che vengono riassorbite per effetto della neoangiogenesi stimolata dalla somministrazione dell’onda d’urto, con effetto finale di riparazione del tessuto.

Oltre al trattamento manuale e strumentale è utile somministrare al paziente degli esercizi, che il paziente deve fare anche a casa, per esempio lavorando sul rinforzo dei muscoli rotatori.

In caso il paziente abbia un dolore notturno, che rende il riposo difficoltoso, si possono attuare degli accorgimenti per ridurre il dolore, come il dormire in posizione supina con un cuscino basso.