Il dottor Ugo D’Alessandro e il dottor Giovanni Angiolini parlano di problematiche di spalla a “Buonasera dottore”, su TV2000.

L’articolazione della spalla è molto complessa, ha una vastissima mobilità e di conseguenza una ridotta stabilità. Durante la visita specialista si chiede al paziente di fare per prima cosa dei movimenti attivi per verificare il suo rangedi movimento massimo senza dolore, partendo dalle braccia lungo i fianchi e portando le braccia in apertura e in alto sin sopra la testa, successivamente sempre dalla stessa posizione di partenza portandole posteriormenteverso il sedere e facendole salire lungo la schiena, sin dove si riesce ad arrivare, e portando i gomiti avanti, e infine partendo con i gomiti piegati e le braccia attaccate ai fianchi, portandol’avambraccio verso l’esterno e verso l’interno (la pancia). Dopo aver valutato questa tipologia di movimenti si passa all’effettuazione di test specifici:

Test di Jobe (a sn): si chiede al paziente di abdurre le bracccia mantenendole intraruotate e si pone una resistenza minima al movimento;
Test dell’intratotazione (a dx): partendo col braccio dietro la schiena, si chiede al paziente di spingere verso l’esterno, mentre si oppone una leggera resistenza con la mano.

 

Entrambi questi test, se positivi (presenza di dolore) sono indicativi di una patologia connessa con i muscoli della cuffia dei rotatori, oppure di arotrosi o di una riduzione dello spazio subacromiale. Successivamente alla visita possono essere fatti degli esami diagnostici, su richiesta del medico specialista:

  • radiografia: consente di verificare la presenza di un quadro di artrosi della spalla e in alcuni casi di presumere la presenza di una lesione della cuffia dei rotatori, laddove si verifichi la rotazione della testa dell’omero;
  • ecografia e RM: permettono di verificare lo stato dei tendini della cuffia dei rotatori.

Una terza patologia che può ridurre la funzionalità della spalla è la spalla congelata (frozen shoulder): colpisce soprattutto le donne, prevalentemente tra i 35 e i 50 anni di età, e può essere associata a diverse patologie, quali il diabete e le malattie autoimmuni; la vera causa di insorgenza resta però tuttora ignota. Il trattamento della spalla congelata comprende la somministrazione di farmaci antinfiammatori per bocca, infiltrazioni di acido ialuronico e cosrticosteroidi, ma soprattutto è importante che il/la paziente sia sottoposto/a ad un percorso riabilitativo, che deve essere immediato, per evitare che la spalla si blocchi del tutto.

Il percorso riabilitativo, che è di lunga durata (dai due ai sei mesi) consta di terapie fisiche strumentali, come l’ipertermia (per approfondire leggi qui), di trattamento manuale e di esercizio terapeutico mirato.

Qualora il trattamento riabilitativo non sortisca gli effetti desiderati, si deve ricorrere al trattamento chirurgico, per scollare la capsula retratta.

 

Il dottor Ugo D’Alessandro e il dottor Giovanni Angiolini parlano di lesioni muscolari a “Buonasera dottore”, su TV2000

Le lesioni muscolari, note comunemente con il nome di strappi muscolari, sono delle lacerazioni delle fibre muscolari, che si verificano dopo una contrazione massiva (ovvero della totalità delle fibre) del muscolo quando si lavora a freddo, cioè senza aver fatto prima un riscaldamento, oppure nel caso in cui il muscolo sia particolarmente affaticato.

I muscoli più frequentemente interessati dalle lesioni muscolari sono:

  • gli ischiocrurali, cioè i muscoli della regione posteriore della coscia
  • il quadricipite femorale
  • il tricipite della sura, cioè il gruppo muscolare del polpaccio (composto dai gemelli, o gastrocnemi, e dal muscolo soleo)

Con minore frequenza possono essere interessati anche i muscoli degli arti superiori (a carico del bicipite e del tricipite brachiale); ciò avviene per lo più in soggetti sportivi.

Una lesione muscolare in atto è caratterizzata dalla presenza di un dolore lacerante, associato ad impotenza funzionale (non si riesce a compiere gesti normali per l’arto) e tumefazione dell’area colpita.

Se si è vittima di una lesione muscolare, bisogna rivolgersi all’ortopedico, che dopo aver effettuato una visita specialistica, prescrive degli esami diagnostici, per verificare l’entità dello strappo: in genere si effettua un’ecografia, ma nei casi più gravi il paziente viene sottoposto ad una risonanza magnetica. In caso di lesione muscolare si applica un protocollo di trattamento internazionale, denominato P.R.I.C.E.:

P = Protection (protezione)
R = Rest (riposo)
I = Ice (ghiaccio)
C = Compression (compressione)
E = Elevation (elevazione)

In alcuni casi l’ortopedico può anche prescrivere dell’eparina, per evitare il rischio di trombosi venosa profonda. A questo protocollo di trattamento va aggiunto un protocollo riabilitativo, composto da:

  • terapia manuale: in una prima fase massoterapia decontratturante (favorisce il ritorno venoso) a monte e a valle della lesione, senza interferire col processo lesionale e senza danneggiare il tessuto danneggiato; nelle fasi successive si può ricorrere ad altri tipi di massaggio (come il massaggio trasverso profondo) e ad altre tecniche di terapia manuale, a seconda delle esigenze del paziente.
  • terapia fisica strumentale: tra i trattamenti strumentali può essere utile la tecarterapia, anche se il suo utilizzo va valutato in base al quadro clinico del paziente, in quanto per la tecarterapia non esiste un protocollo standard, ma si effettua un trattamento personalizzato.
  • esercizio terapeutico: stretching (inizialmente passivo, aiuta ad evitare la formazione di una cicatrice caotica sul muscolo, fatto importante nella prevenzione delle recidive), potenziamento muscolare, riatletizzazione, in base alle esigenze del paziente.

Il trattamento riabilitativo può essere fatto con cadenza giornaliera e va modulato sul quadro clinico del paziente.

Le lesioni muscolari si possono prevenire mantenendo il fisico allenato, facendo un buon riscaldamento prima dell’attività fisica, facendo dello stretching adeguato per allungare la muscolatura e mantenerla funzionale ed infine sottoponendosi ad una alimentazione adeguata e finalizzata al mentenimento di un buon tono muscolare.